La proposta di Hamas: un cessate il fuoco lungo 135 giorni e diviso in tre fasi

Hamas propone a Israele un piano per un cessate il fuoco di 135 giorni: ecco cosa prevede questa proposta

Hamas ha proposto un cessate il fuoco per mettere a tacere le armi a Gaza per quattro mesi e mezzo, durante i quali tutti gli ostaggi dovrebbero essere liberati, Israele dovrebbe ritirare le sue truppe dalla Striscia di Gaza e sarebbe stato raggiunto un accordo sulla fine della guerra. Il portavoce del governo israeliano ha detto che Israele sta studiando attentamente l’offerta, con il primo ministro Benjamin Netanyahu che terrà una conferenza stampa nella giornata di oggi. La televisione israeliana Channel 13 ha citato un funzionario non identificato che ha affermato che alcuni aspetti non erano accettabili e che i funzionari stavano discutendo se respingere la proposta o chiedere modifiche. Vediamo come è stata strutturata e quali sono le previsioni su questa proposta.

Cosa prevede il cessate il fuoco proposto da Hamas? Quale sarà la risposta di Israele? Ecco le risposte a queste domande

L’offerta di Hamas, il cui contenuto è stato riportato per la prima volta da Reuters, è una risposta a una precedente proposta elaborata dai capi dello spionaggio statunitense e israeliano e consegnata a Hamas la settimana scorsa da mediatori del Qatar e dell’Egitto. Il segretario di Stato americano Antony Blinken ha discusso l’offerta con Netanyahu dopo essere arrivato in Israele dopo i colloqui con i leader del Qatar e dell’Egitto, i Paesi che hanno agito come mediatori nel conflitto.

Netanyahu
Netanyahu | Pixabay @EPA/RONEN ZVULUN / POOL – 20maggiosenzamuri

 

Rimangono grandi divari tra le due parti: Israele ha già affermato in precedenza che non ritirerà le sue truppe da Gaza né porrà fine alla guerra finché Hamas non sarà spazzato via. Ma le fonti descrivono Hamas con un nuovo approccio alla sua richiesta di lunga data di porre fine alla guerra, proponendolo ora come una questione da risolvere nei colloqui futuri piuttosto che come una precondizione per la tregua.

Una fonte vicina alle parti negoziatrici ha affermato che la controproposta di Hamas non richiedeva la garanzia di un cessate il fuoco permanente all’inizio, ma che la fine della guerra avrebbe dovuto essere concordata prima della liberazione degli ultimi ostaggi.

Una seconda fonte ha detto che Hamas vuole ancora garanzie da parte del Qatar, dell’Egitto e di altri stati amici che il cessate il fuoco sarà rispettato e non verrà infranto non appena gli ostaggi saranno liberi. “Vogliono che l’aggressione finisca e non temporaneamente, non dove (gli israeliani) prendono gli ostaggi e poi il popolo palestinese vive in una tritacarne“.

Il portavoce del governo israeliano Avi Hyman ha detto ai giornalisti: “Abbiamo ricevuto un aggiornamento, abbiamo ricevuto notifica dai negoziatori del Qatar. Li stiamo esaminando. Il Mossad sta esaminando attentamente ciò che ci è stato presentato“.

Secondo il documento di offerta visto da Reuters e confermato da fonti, durante la prima fase di 45 giorni tutte le donne israeliane in ostaggio, i maschi sotto i 19 anni, gli anziani e i malati verrebbero rilasciati, in cambio di donne e bambini palestinesi detenuti nelle carceri israeliane. Israele ritirerebbe le truppe dalle aree popolate di Gaza. L’attuazione della seconda fase non inizierà finché le parti non concluderanno “colloqui indiretti sui requisiti necessari per porre fine alle reciproche operazioni militari e tornare alla completa calma“. La seconda fase includerebbe il rilascio dei restanti ostaggi maschi e il completo ritiro israeliano da tutta Gaza. I corpi delle persone morte verrebbero scambiati durante la terza fase.

Bombardamenti a Gaza
Bombardamenti a Gaza | EPA/MOHAMMED SABER – 20maggiosenzamuri

 

La gente è ottimista, ma allo stesso tempo prega affinché questa speranza si trasformi in un vero accordo che porrà fine alla guerra“, ha detto a Reuters Yamen Hamad, un padre di quattro figli rifugiato in una scuola delle Nazioni Unite a Deir Al-Balah, nel centro della Striscia di Gaza.

A Rafah, all’estremità meridionale della Striscia di Gaza, dove metà dei 2,3 milioni di abitanti dell’enclave sono rinchiusi contro la recinzione di confine con l’Egitto, i corpi di 10 persone uccise durante la notte dagli attacchi israeliani sono stati esposti all’obitorio di un ospedale.

Netanyahu è sotto la pressione costante dei membri di estrema destra della sua coalizione di governo che dicono che si dimetteranno piuttosto che sostenere qualsiasi accordo che non riesca a sradicare Hamas, e delle famiglie degli ostaggi che chiedono un accordo per riportarli a casa.

Washington ha scelto l’accordo sugli ostaggi e sulla tregua come parte dei piani per una più ampia risoluzione del conflitto in Medio Oriente, che alla fine porterà alla riconciliazione tra Israele e i vicini arabi e alla creazione di uno Stato palestinese. Netanyahu, però, ha rifiutato l’idea di uno Stato palestinese, che l’Arabia Saudita, lo Stato più vicino (prima del 7 ottobre) nell’accettazione di Israele da parte dei vicini del Medio Oriente, ritiene sia un requisito per qualsiasi accordo volto a normalizzare le relazioni con Israele.

La spinta diplomatica arriva nel mezzo di intensi combattimenti a Gaza, con Israele che spinge per catturare la principale città nel sud dell’enclave, Khan Younis, e combattimenti che riprendono anche nelle aree settentrionali che Israele ha affermato di aver sottomesso mesi fa.

Impostazioni privacy